Machis all’Udinese: cosa fare al fantacalcio?

Machis all'Udinese

Ultimo aggiornamento:

Machis all’Udinese: scopriamo se il colpo low-cost può rivelarsi un affare.

Qual è il sogno di ogni Fantallenatore? Acquistare a 1 credito un centrocampista che gioca in attacco e ritrovarsi con l’uomo dei sogni da 10 gol e 10 assist (circa)! Ok, forse stiamo fantasticando un po’ troppo, considerando che spesso questi colpi si possono anche rivelare fatali rimanendo delle eterne promesse e delle scommesse fallite. Però, considerando una buona analisi tecnica, tattica e fantacalcistica, l’arrivo di Machis all’Udinese potrebbe rappresentare quel sogno che tutti noi speriamo di fare…potrebbe!

TECNICA/TATTICA

Machis è un giocatore rapido e veloce, di piede destro, ma abile anche col sinistro. La sua arma migliore è il dribbling (57% di dribbling riusciti nell’ultima stagione). 1,74 m per 70 kg, venezuelano classe 1993, dopo un passato di vagabondaggio tra la società ex detentrice del cartellino, il Granada, e altre squadre di Segunda Division, approda all’Udinese a seguito di una stagione a dir poco spettacolare in Spagna. Nell’ultima annata, con la maglia del Granada, sempre in Segunda, ha siglato ben 14 gol e 6 assist in 33 partite!

Niente male, ma non dimentichiamoci che non era la Serie A e che il Granada si è classificato decimo. Insomma, i numeri di squadra non sono stati proprio entusiasmanti, ma Machis ha impressionato e non poco, tanto da attrarre l’interesse dei Friulani, non nuovi a colpi a effetto. Ci troviamo davanti al nuovo Sanchez? No, paragone che non regge, ma Machis è molto simile al nostro caro Alexis: dribbling secco nello stretto, rapidità di tocco, agilità e velocità. Se a questo si aggiunge una buona dose di attacco della profondità con e senza palla e una buona affinità col gol, possiamo dire che molto dipenderà dall’andamento dell’Udinese.

FANTACALCISTICAMENTE MACHIS ALL’UDINESE

Machis all’Udinese è tutto da scoprire, ma prima di lui, merita un’attenta analisi anche il nuovo allenatore dei friulani: Julio Velazquez. Amante del 4-2-3-1, punta molto sugli inserimenti degli esterni d’attacco con e senza palla. Tagli alle spalle della difesa o ingresso in area di rigore palla al piede con conseguente dribbing e cross/tiro. Tecnico giovane con esperienza nella Segunda Division spagnola, viene da una discreta annata all’Alcorcon caratterizzata da un tredicesimo posto con 37 gol fatti e 42 subiti in 42 partite. Effettivamente, soprattutto in fase realizzativa, i numeri non sono entusiasmanti dato che Velazquez è noto per prediligere quel modulo. Altro elemento negativo potrebbe essere l’esordio con un club di tutt’altro livello rispetto a quelli sinora allenati e l’impatto con un grande palcoscenico come il nostro campionato.

Veniamo ora all’analisi dei fattori positivi. Machis è un esterno sinistro che predilige la giocata “alla Del Piero”, cioè rientro sul destro e tiro. Praticamente perfetto nel ruolo di ala sinistra nei tre dietro la punta e per le idee calcistiche di Velazquez che lo ha già schierato in quel ruolo nelle prime due uscite stagionali. Per esempio, lo scorso anno, Alvaro Peña, ala sinistra del 4-2-3-1 dell’Alcorcon di Velazquez, ha siglato 6 gol e 6 assist. Anche lui è un esterno destro che gioca a sinistra. Darwin conosce molto bene quel ruolo e quel modulo che lo hanno reso celebre lo scorso anno a Granada. Inoltre è molto abile a sfruttare i cross laterali bassi che giungono dall’altro lato del campo ed è anche adattabile sulla fascia destra come uomo assist! Praticamente sembrerebbero combaciare tutti gli elementi con il modulo dell’allenatore.

CONSIGLI

Il consiglio che sentiamo di darvi lo potete intuire dall’introduzione: colpo low-cost nella speranza che sia una rivelazione. Stanti queste condizioni, il sogno sarebbe realtà, però i fattori da considerare non sono da prendere alla leggera: l’impatto di Velazquez a Udine, il relativo andamento della squadra e l’impatto di Machis con delle difese non proprio facili da penetrare. Le aspettative e i numeri sono dalla sua. Risulta essere una scommessa, che può diventare o meno redditizia, quindi l’investimento non dev’essere altissimo: al massimo 5/6 crediti in una lega di 8 partecipanti e 7/8 crediti massimo in una lega di 10 partecipanti. Sempre partendo da una base di 500 milioni.

Se tutto va male, avete speso poco e perso un azzardo che valeva la pena fare. Ma se tutto va bene, potreste ritrovarvi in rosa e a poco prezzo quel talento che da tanto tempo manca a Udine e, forse, anche nel mondo del fantacalcio. Come ben anticipato, la scommessa vale solo se listato CC. Se verrà listato attaccante non spendete più di 1 credito e prendetelo da ultimo slot. Insomma, scommessa da provare…tentar non nuoce!

STATISTICHE

Presenze: 33

Gol fatti: 14

Assist: 6

Cartellini gialli: 6

Cartellini rossi: 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *