Torino: analisi delle prime giornate in ottica fantacalcio

Torino

Ultimo aggiornamento:

Torino: analisi delle prime partite di Campionato anche in ottica fantacalcio

Il Toro ha fatto un buon inizio di campionato, infatti dopo la prima giornata contraddistinta dalla sconfitta immeritata contro la Roma, ha ottenuto un pareggio importante in rimonta contro l’Inter a Milano e una vittoria in casa contro la Spal nell’ultima giornata prima della sosta. Da questo inizio di campionato possiamo sicuramente trarre delle importanti conclusioni per stabilire le gerarchie in casa granata.

Torino: gli 11 titolari e i primi cambi

Walter Mazzarri si affida al 3-5-2. In difesa gerarchie ben definite con il trio fisso Moretti,N’Koulou, Izzo: una costante nelle prime tre giornate che crediamo rimarrà tale anche nel prosieguo di campionato.

A centrocampo le novità più importanti perché è il settore più interessato dal mercato estivo. Gli arrivi di Soriano, Meitè e Ola Aina sembrano aver influenzato in modo decisivo le scelte di mister Mazzarri. L’unico ruolo sul quale sembra aver qualche dubbio il tecnico livornese è l’esterno sinistro di centrocampo. Infatti, nelle prime 3 partite sono stati altrettanti gli interpreti scelti: Ansaldi, Berenguer e Aina. Per il resto sembrano certi del posto Rincon, Soriano e De Silvestri, dopo l’ottimo inizio di campionato di Meitè rischia di saltare il posto da titolare di Baselli quindi i suoi possessori stiano in guardia magari cautelandosi con l’acquisto di Meitè o Soriano.

In attacco il neo arrivato Zaza per ora lo abbiamo visto poco: ha giocato solo una ventina di minuti contro la Spal. Siamo sicuri che il bomber riuscirà a ritagliarsi uno spazio importante e a convincere Mazzarri che può giocare in coppia con Belotti. Difficile che questo avvenga però senza che ci sia un cambio di modulo che porti sulla trequarti Iago Falque a supporto della coppia esplosiva Zaza – Belotti. Siamo sicuri che queste scelte dipenderanno anche dall’avversario che di volta in volta il Torino si troverà ad affrontare.

Le sostituzioni effettuate da Mazzarri nelle prime 3 partite di Serie A sono state condizionate dagli infortuni di Izzo, De Silvestri e Ansaldi, usciti malconci dalle sfide contro Roma e Inter. Per il resto le sostituzioni si sono concentrate a centrocampo con i due ingressi in campo dell’ormai ex Ljajic e di Lukic, prima riserva del centrocampo granata.

Torino: giocatori più o meno consigliati

Questa la parte dedicata all’appeal fantacalcistico dei giocatori torinisti. Partiamo dai migliori in assoluto del team granata che sono sicuramente Belotti, Iago Falque e Roberto Soriano. Il capitano ormai simbolo del popolo granata è uno dei bomber più forti e più prolifici del nostro campionato, ha impressionato nelle amichevoli estive e in questo scorcio di stagione ha offerto prove sopra la sufficienza andando anche in gol contro l’Inter, rete che ha propiziato la rimonta. Iago Falque ormai è una certezza per ogni fantallenatore, capace di andare con facilità in rete ma anche di portare tanti bonus con gli assist. L’arrivo di Zaza potrebbe un po’ limitarlo, ma resta comunque un ottimo giocatore. Listato attaccante perde molto del suo appeal. Chiudiamo con Soriano, un talento puro che fortunatamente il nostro calcio ha riabbracciato. A Valencia nella prima stagione è stato devastante e siamo sicuri che a Torino avrà la possibilità di metter in mostra le sue tante qualità, non possiamo certo dirvi che stiamo parlando del Luis Alberto della situazione, ma è sicuramente da considerare un semi-top.

La scommessa potrebbe essere certamente Soualiho Meitè, autore di 3 ottime prove e già andato in gol a San Siro. È un giocatore di rottura dotato di un ottimo fisico, ma ha già dimostrato di saper trattare anche con gentilezza il pallone. Per noi è un giocatore sul quale puntare senza se e senza ma.

Nel Torino ci sono poi quei giocatori che ogni rosa dovrebbe sempre avere, quei giocatori che di certo non vi faranno vincere il fantacalcio ma garantiscono presenze e buoni voti. Parliamo di Sirigu, N’Koulou, De Silvestri e Rincon. Il portierone della nazionale, in coppia con un altro portiere di una squadra medio alta, può garantirvi qualche clean sheet e ottimi voti per il modificatore della difesa. Stesso discorso da fare per il perno della difesa granata N’Koulou, muro a volte insuperabile per qualsiasi attaccante. Non è un top soltanto perché il Torino non è da prime posizioni e soprattutto perché a volte combina qualche guaio. De Silvestri è uno di quei giocatori che sicuramente non si prende a 1 all’asta perché qualche gol e qualche assist ogni anno lo porta a casa. Rincon è il tipico tappabuchi che serve come il pane nelle nostre panchine se dovesse saltare qualcuno dei nostri titolarissimi. Giocatore che colleziona tanti cartellini, ma che vi garantisce titolarità fissa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *