Parma: analisi in ottica fantacalcio dopo le prime 12 giornate

Parma

Ultimo aggiornamento:

Tra le neopromosse, la squadra emiliana è quella che sta andando meglio, e con l’obiettivo salvezza che sembra ampiamente alla portata, la squadra di D’Aversa punta ad arrivare il prima possibile a quota 40, per poi sognare. Andiamo a vedere quali sono i top e i flop dei gialloblu fino a questo momento, e su chi conviene puntare per le prossime 5 partite.

Parma: analisi rendimento

A un terzo del campionato il Parma è nel gruppone di metà classifica, ma a soli 2 punti dalla zona europea. In 12 giornate ha raccolto 17 punti, grazie a 5 vittorie, altrettante sconfitte e 2 pareggi, con 12 reti segnate e 15 subite.
I ducali sono una delle poche squadre ad avere un rendimento migliore in trasferta piuttosto che in casa: lontano dal Tardini hanno raccolto 9 punti, con vittorie sorprendenti come quelle contro l’Inter e il Torino, oltre al 3-1 sul Genoa quando erano in piena emergenza. In casa hanno conquistato appena un punto in meno, alternando buone prestazioni come quella contro la Juve (nonostante la sconfitta) o contro il Cagliari, ad altre meno entusiasmanti, come lo 0-0 in inferiorità numerica contro il Frosinone o la sconfitta 2-0 contro la Lazio. Comunque la squadra di D’Aversa si sta dimostrando una squadra molto ostica da affrontare e pensiamo che sarà così per tutti, da qui fino all’ultima giornata.

Parma: analisi top

BRUNO ALVES/GAGLIOLO: la coppia di centrali gialloblu si sta dimostrando come una delle più solide e affidabili di questo primo terzo di campionato. Il portoghese, nonostante le quasi 37 primavere, ha ancora molto da dire a questi livelli e a Parma sembra aver trovato una seconda giovinezza. Sempre uno dei pochi a salvarsi anche quando gli emiliani hanno perso: gli manca solo il gol. Stesso discorso per Gagliolo, che ha steccato clamorosamente solo contro l’Atalanta, con autogol e ammonizione e un conseguente 2 in pagella. Si è poi parzialmente riscattato con l’assist al Torino. Ma per il resto, anche lui riesce sempre a salvarsi e il 6 lo garantisce. Se D’Aversa dovesse spostarlo come terzino sinistro, la sua appetibilità crescerebbe notevolmente.

BASTONI
: attenzione a questo giocatore! Già ai tempi dell’Atalanta, Gasperini ne parlava un gran bene e siamo certi che il futuro sia dalla sua. In questa stagione ha collezionato soltanto 3 presenze, di cui una da titolare, ma l’ex Atalanta ha dimostrato di poter giocare a questi livelli, nonostante sia soltanto un 99′. Bastoni ha scalato le gerarchie e D’Aversa lo preferisce addirittura al più esperto Gazzola e anche Gobbi adesso rischia il posto.
Contro il Torino abbiamo visto l’inedita coppia Alves-Bastoni, con Gagliolo spostato sulla fascia sinistra. Questa mossa tattica, vincente contro i granata, potrebbe essere riproposta, almeno fino al rientro di Dimarco. Puntare un credito su Bastoni come scommessa potrebbe essere un investimento vincente, ma da fare prima che il difensore cominci a farsi notare sul serio.

BARILLA’
: una vera sorpresa! L’ex Reggina sembrava destinato a un ruolo da comprimario, invece ha saltato una sola partita per squalifica. Paga, appunto, qualche cartellino di troppo, ma è riuscito a regalare ai suoi fanta-allenatori un +3 e due assist. E prende sempre almeno 6. Una garanzia se avete bisogno di un buon rincalzo.

GERVINHO
: l’ivoriano ha sorpreso davvero tutti. Arrivato dalla Cina, tutti si aspettavano un Gervinho in grande difficoltà, visto il ritmo del campionato cinese, invece l’ex Roma è stato fin qui letteralmente devastante: 8 presenze, 4 reti e media voto vicina al 6,5.
Puntate senza paura su Gervinho, che punta decisamente alla doppia cifra.

INGLESE
: Inglese si conferma ancora una volta un’ottima terza scelta d’attacco. Il classico giocatore che può arrivare tranquillamente a 12-13 reti e che, a meno di infortuni, vi garantisce titolarità. quest’anno sembra anche aver limato il problema della discontinuità, perché a differenza di quando era al Chievo, anche quando non segna non prende necessariamente 5.
Considerarlo come una semplice alternativa sarebbe sbagliato, perché Inglese può regalarci parecchie gioie in questa stagione, anche in partite non decisamente semplici.

Parma: analisi flop

GOBBI: l’unico aspetto positivo che poteva garantirci era la titolarità, ma come noi di CF vi avevamo già anticipato quest’estate nella Guida all’asta, anche quella era in discussione. E infatti, nonostante le 9 partite da titolare, l’ex Chievo rischia di giocare sempre meno, soprattutto quando tornerà Dimarco, che si è infortunato proprio nel momento in cui si era preso definitivamente una maglia da titolare. Ribadiamo che è assolutamente sconsigliato puntare su Gobbi.

GRASSI: l’ex Napoli ci ha un po’ deluso perché credevamo potesse diventare un punto fermo del centrocampo emiliano ma, come accaduto anche la scorsa stagione alla SPAL, ha sofferto diversi infortuni che ne hanno rallentato la crescita. Crediamo che possa fare decisamente meglio nel prosieguo della stagione, ma per ora è stata una delusione.

CICIRETTI: altro giocatore da cui ci si aspettava molto di più. Il fatto di vederlo listato come centrocampista era molto intrigante, ma ad oggi Amato ha raccolto solo 3 presenze, di cui una da titolare e la sua media è insufficiente. Al momento parte dietro a Gervinho e Di Gaudio, ma anche Siligardi e Biabiany sono avanti nelle gerarchie, quindi l’acquisto di Ciciretti è assolutamente sconsigliato, perché non crediamo che possa imporsi e rischia una seconda parte di stagione nell’anonimato.

Parma: prossime 5 partite

Il calendario sorride al Parma per le prossime 5 giornate: al rientro dalla sosta ci sarà il derby emiliano con il Sassuolo al Tardini, tra due delle squadre più sorprendenti di questo avvio di stagione. Difficile, invece, la prima partita del mese di dicembre, quando i gialloblu andranno a San Siro ad affrontare il Milan, ma i crociati ci hanno già fatto vedere come si può vincere a Milano e i rossoneri sono anche falcidiati dagli infortuni, quindi l’esito dell’incontro non è così scontato.
Decisamente più alla portata le seguenti 3 partite: in casa contro il Chievo, la trasferta di Marassi contro la Samp e l’altro derby emiliano contro il Bologna al Tardini. Tre partite in cui i gialloblu possono fare molto bene, con l’obiettivo di raccogliere almeno 6-7 punti.
Possiamo quindi tranquillamente schierare tutti i top del Parma nelle partite casalinghe, dalla difesa all’attacco, perché sono sfide in cui i ducali potrebbero ottenere un risultato positivo e di conseguenza potrebbero arrivare bonus importanti.
Ma anche contro Samp e Milan non sarebbe un reato schierare i giocatori del Parma, perché abbiamo visto che in trasferta la squadra di D’Aversa può far male a chiunque. Magari valutiamo se mettere o meno i difensori parmensi in base alle nostre alternative, ma giocatori come Inglese e Gervinho vanno messi senza se e senza ma anche contro Samp e Milan.

E voi su quali giocatori del Parma avete puntato? Pensate di schierarli nelle prossime partite? Fatecelo sapere nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *