Top e Flop 16ª giornata: c”OLSEN”nno di poi non l’avrei preso

Ultimo aggiornamento:

Top e flop 16ª giornata di Serie A: scopriamo chi ha deluso e chi ci ha fatto gioire questo weekend. 

Il campionato di Serie A viaggia spedito come un treno, anzi come la slitta di Babbo Natale (visto che siamo in tema), verso la fine del girone d’andata. Le prime tre del campionato (Juventus, Napoli e Inter) vincono le loro rispettive partite confermando le posizioni di vertice. Nella lotta per il 4o posto, l’ultimo disponibile per assicurarsi la partecipazione alla prossima Champions League, il Milan non approfitta dello scivolone della Lazio a Bergamo contro l’Atalanta. I rossoneri deludono non andando oltre uno scialbo 0-0 contro il Bologna. Ritorno alla vittoria per Roma e Fiorentina: i giallorossi recuperano punti nella corsa Champions mentre i gigliati si rifanno sotto in zona Europa League. Nella parte bassa della classifica il Chievo di “Mister x” Di Carlo ottiene l’ennesimo pareggio contro la Spal: una vera e proprio sentenza…per gli scommettitori! Sconfitte infine per Frosinone, Empoli e Udinese.  

Bando alle ciance: andiamo a scoprire chi merita il regalo di Natale e chi, al contrario, solo carbone. Ecco a voi dunque i “Top e Flop 16ª giornata“. 

Top e Flop 16ª giornata 

I Top  

Kluivert       

Il giovane attaccante della Roma dimostra, finalmente, tutte le sue potenzialità dando una ragionevole spiegazione dell’investimento fatto dai giallorossi in estate. Contro il Genoa sfodera una grandissima prestazione mettendo in campo tutta la sua tecnica, velocità e rapidità negli spazi. Trova anche il suo primo gol in campionato impreziosito da un assist. Il risultato? 7,5 in pagella che diventa 11,5 contando i bonus. Chissà che non trovi fiducia e continuità di prestazione… intanto i suoi fantapossessori sentitamente ringraziano! 

Simeone 

Contro il parere un po’ di tutti noi lo consigliavamo in questa giornata prevedendo un suo gol. Il “Cholito” ci ha dato ragione segnando anche contro l’Empoli e contribuendo alla vittoria finale dei viola. Ma non solo: l’argentino è stato autore di una prova convincente, tutta grinta e determinazione aiutando la squadra nella manovra e allungando la difesa avversaria. Il 7,5 in pagella fotografa perfettamente la sua prestazione. Che si sia sbloccato definitivamente? Ai posteri l’ardua sentenza…

Praet 

E’, forse, uno dei centrocampisti più sottovalutati del nostro campionato in ottica sia calcistica che fantacalcisitca. Il buon Dennis, però, è un giocatore dotato di tecnica e visione di gioco sopraffine e superiori alla media. Contro il Parma lo ha dimostrato: 2 assist preziosi per Caprari e Quagliarella e la sensazione che, con lui in campo, la luce possa accendersi da un momento all’altro. Tutto ciò gli vale un ottimo 7 in pagella che diventa 9 in virtù proprio dei passaggi decisivi per i compagni di squadra. Probabilmente può essere ancora svincolato in molte leghe non numerose. Fateci un pensierino. 

I Flop 

Olsen 

Vorremmo stendere un velo pietoso ed evitare di infierire sul povero Robin. E invece ci ricordiamo che, con la sua Svezia, ci ha eliminati dall’ultimo mondiale e quindi ne approfittiamo per concederci una mini-vendetta. La partita contro il Genoa, vista dalla prospettiva del portiere svedese, sembrava una puntata di “Paperissima”: errori e incertezze come se piovesse. La clamorosa disattenzione sul primo gol di Piatek è sotto gli occhi di tutti, non c’è bisogno di commentarla. Come non c’è bisogno di commentare il 4,5 in pagella che diventa 2,5 con i 2 gol subiti. Praticamente come giocare in 10. Fantapossessori di Olsen, vi siamo vicini! 

Bakayoko 

Dopo una serie di buone prestazioni, il colosso francese ex Monaco stecca clamorosamente contro il Bologna. Costantemente in ritardo con le chiusure difensive, mai propositivo in avanti e sbaglia praticamente tutti i passaggi…compresi quelli del riscaldamento. Non contento si fa anche espellere per doppia ammonizione in circa 10 minuti portando a casa un pessimo voto. Ma la brutta notizia è un’altra: con la squalifica sua e di Kessiè, il Milan dovrà giocare la prossima partita con Josè Mauri e Bertolacci. Brutta giornata per Tiemouè. Yoko poko ma (non) yoko! 

Zaza  

Se fosse ancora un giocatore della Juve lo avremmo inserito nei Top in virtù della prestazione fornita nel derby di Torino. E invece no. Il buon Simone da Policoro dimentica di indossare la maglia granata e regala un pallone sanguinoso a Mandzukic sul quale Ichazo commette il fallo da rigore. Oltre a questo episodio non si vede praticamente mai in campo se non per farsi ammonire per l’ennesima volta in stagione. Inutile commentare il suo voto finale, più basso dei voti ottenuti dal PD nelle ultime elezioni. E pensare che nelle aste estive era uno dei pezzi pregiati… 

E voi chi avreste messo tra i top e flop 16ª giornata di Serie A?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *