Birsa al Cagliari: cosa fare al fantacalcio?

Ultimo aggiornamento:

È arrivato ieri ma già pare essere il beniamino dei tifosi. Su di lui ci sono grandi aspettative, anche per il ruolo chiave che andrà a ricoprire nella squadra. Di chi stiamo parlando? Naturalmente di Valter Birsa. Il centrocampista sloveno è un nuovo giocatore del Cagliari. L’ufficialità è arrivata ieri assieme al suo approdo nell’isola, dove è stato accolto da un manipolo di tifosi festanti accorsi all’aeroporto per manifestargli la loro gioia. Su di lui, come già detto, ci sono grandi aspettative anche e soprattutto per il ruolo che andrà a ricoprire, quello dell’infortunato Castro (anche lui ex Chievo ndr). Forte e determinante è stata l’insistenza di Maran, suo mentore sempre a Verona, che lo ha portato a separarsi con il club scaligero per prendere la via del Cagliari.

Birsa giunge al Cagliari dopo le esperienze con Primorje e Gorica (Slovenia), Auxerre e Sochaux (Francia), Genoa, Torino, Milan e Chievo (Italia). In più vanta 90 presenze con la nazionale maggiore della Slovenia e 7 gol.

Tecnica/Tattica

Trequartista dotato di una discreta tecnica, con i suoi 184 cm di altezza e i suoi 81 kg di peso, rappresenterà un problema per tutte le difese avversarie, vista la sua propensione al gol (anche da calcio piazzato). Oltre a possedere una discreta tecnica, ciò che contraddistingue Valter Birsa è la sua duttilità tattica: è utilizzabile, infatti, anche come seconda punta o come mediano. Probabile, però, che Maran lo impieghi nel suo ruolo naturale di trequartista dietro le punte, posizione da cui può pungere le difese avversarie e permettere, inoltre, di avanzare la posizione di Joao Pedro a seconda punta, diventando l’assist-man del duo d’attacco.

Fantacalcisticamente Birsa al Cagliari e consigli acquisto

È un acquisto importante per il Cagliari, potrebbe esserlo doppiamente anche per le vostre rose al Fantacalcio: chi, infatti, aveva avuto l’ardore di acquistarlo a inizio campionato quando militava nel Chievo, adesso si ritrova un “semi-top” di reparto che dopo il cambio di casacca potrebbe essere rivitalizzato. Chi, invece, fosse interessato a un buon centrocampista che vede (e non poco) la porta ha un’ottima chance di aggiudicarselo a un prezzo equo, visto il valore della squadra in cui milita e il suo personale.

Il nostro consiglio? Chi ne è già in possesso lo tenga senza pensarci due volte; chi, invece, dovesse avere bisogno di un centrocampista di buona qualità, lo acquisti senza però sborsare una cifra troppo elevata.

Articolo a cura di Michele Castoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *