Gabbiadini, Muriel, Okaka, Sansone: chi prendo all’asta?

Ultimo aggiornamento:

Finora il mercato di gennaio, peraltro iniziato solo da una decina di giorni, ha regalato pochi colpi e nessuno sensazionale. Qualcosa di interessante, però, si può già trovare. Abbiamo pubblicato una scheda dedicata a Muriel, Gabbiadini, Okaka e Sansone e li abbiamo già inseriti nella nostra guida, ma oggi abbiamo deciso di fare qualcosa di ulteriore. Molti di voi ci scrivono e ci chiedono chi acquistare all’asta di riparazione: “chi prendo tra Gabbiadini, Muriel, Okaka e Sansone” è la domanda che ci fate più spesso. In questo articolo proveremo a darvi la risposta.

Gabbiadini, Muriel, Okaka, Sansone: questione titolarità

Quando facciamo un acquisto, e in particolare lo facciamo a gennaio per migliorare una rosa con qualche pecca, la prima cosa che ci chiediamo è se quel tal giocatore sarà titolare. E allora chi ha più probabilità di giocare tra i nostri “fantastici 4”? La premessa è che alla lunga dovrebbero essere tutti titolari, ma siamo certi che una risposta del genere non vi soddisferebbe, quindi proviamo a fare una classifica.

Secondo noi, quello che ha maggiori probabilità di essere sempre tra gli 11 titolari è Sansone. Il Bologna là davanti non ha grande qualità e finora si è affidato quasi esclusivamente alla garra di Santander e all’esperienza di Palacio. Il giocatore con più estro è Orsolini, ma è forse ancora troppo inesperto per caricarsi la squadra sulle spalle. Sansone è stato scelto proprio per questo, perché serviva un giocatore che unisse estro ed esperienza.

A seguire troviamo a pari merito Okaka e Gabbiadini. Davanti l’Udinese gioca con De Paul e a turno Lasagna e Pussetto. Manca quindi una vera e propria prima punta. Ecco spiegato l’arrivo dell’attaccante italiano. Probabile che con il suo inserimento De Paul scali sulla linea dei centrocampisti o che torni a giocare attaccante esterno in un attacco a 3. In entrambi i casi, Okaka dovrà vedersela con Lasagna e Pussetto e a nostro avviso dovrebbe spuntarla nella maggior parte dei casi. Discorso simile possiamo farlo con Gabbiadini. La Sampdoria gioca con il 4-3-1-2 e là davanti un posto è prenotato da Quagliarella. Il ruolo da trequartista se lo contendono Ramirez e Saponara con il primo un po’ in vantaggio. Resta un solo posto libero e finora se lo erano contesi Caprari e Defrel. Con l’arrivo di Gabbiadini, Defrel sembra in partenza, così come Kownacki. Resta quindi Caprari che nel girone d’andata ha fatto davvero bene segnando 5 gol e fornendo 2 assist. Non sarà quindi facile per Manolo rubargli il posto, ma alla lunga dovrebbe farcela. Il rischio ballottaggio sarà comunque sempre possibile.

All’ultimo posto troviamo Muriel. Ebbene sì. Ricordate la nostra premessa però. Perché lo abbiamo messo all’ultimo posto? Solo perché in casa viola la concorrenza è maggiore. Consideriamo Chiesa inamovibile, restano quindi due maglie per Simeone, Muriel, Pjaca e Mirallas. Simeone parte davanti perché conosce già l’ambiente, Pjaca e Mirallas invece hanno un po’ deluso. È probabilmente a questi due che il colombiano dovrà soffiare il posto. A nostro avviso dovrebbe spuntarla, ma è probabile che gli servano almeno un paio di partite per tornare al 100% e la partita di Coppa Italia sembra averci dato ragione.

Gabbiadini, Muriel, Okaka, Sansone: questione bonus

La seconda domanda che ci facciamo quando compriamo un giocatore è quanti bonus potrebbe portarci. Tuttavia, mentre alla prima domanda è possibile provare a dare una risposta, a questa è quasi impossibile. Le variabili sono troppe e nessuno di noi, purtroppo, ha la palla di vetro. Per quello potete provare a chiedere a Paolo Fox (Muriel è ariete, Gabbiadini sagittario, Okaka leone e Sansone vergine). Non ci resta pertanto che affidarci ai numeri che spesso non mentono. Guardiamo allora lo score dei quattro attaccanti.

Sansone ha 27 anni e in carriera ha giocato 306 partite, per un totale di 19.580 minuti, segnando 74 gol e fornendo 33 assist ai compagni (dati Transfermarkt). Quindi 1 bonus ogni 183 minuti.

Okaka ha 29 anni e in carriera ha giocato 327 partite, per un totale di 48.282 minuti, segnando 62 gol e fornendo 24 assist ai compagni (dati Transfermarkt). Quindi 1 bonus ogni 561 minuti.

Gabbiadini ha 27 anni e in carriera ha giocato 312 partite, per un totale di 16.307 minuti, segnando 77 gol e fornendo 18 assist ai compagni (dati Transfermarkt). Quindi 1 bonus ogni 171 minuti.

Muriel ha 27 anni e in carriera ha giocato 264 partite, per un totale di 15.377 minuti, segnando 74 gol e fornendo 48 assist ai compagni (dati Transfermarkt). Quindi 1 bonus ogni 126 minuti.

Cosa ci dicono quindi questi numeri? Che Muriel è senza dubbio quello che porta più bonus, pur giocando meno. A seguire troviamo Gabbiadini che riesce a regalare molti +3, ma non molti +1. Sul terzo gradino del podio ecco Sansone che segna e porta anche molti assist. All’ultimo posto troviamo infine Okaka che nonostante sia quello che ha giocato più minuti, è quello che ha fatto meno gol. Non male comunque il numero di assist.

A questo punto non ci resta che tirare le somme sulla base di titolarità e bonus potenziali. Quelli su cui conviene maggiormente puntare sono, nell’ordine, Gabbiadini e Sansone. Entrambi sono un’ottima scelta, ma preferiamo leggermente l’attaccante della Sampdoria perché, anche se dovrà sudarsi il posto, è quello che secondo noi porterà più bonus e soprattutto gioca in una squadra in grado di creare ogni partita diverse occasioni da gol. Avrà quindi molte opportunità per segnare. Subito dopo di lui vi consigliamo Sansone che, nonostante giochi in una squadra che crea poco e segna anche meno, sarà praticamente sempre titolare e potrà regalarvi diverse gioie. Al terzo posto troviamo Muriel. Nonostante sia quello più avanti nel rapporto “minuti giocati/bonus portati”, la condizione fisica non al top e il rischio elevato di ballottaggio ci fanno preferire gli altri due attaccanti. Vogliamo comunque aggiungere una postilla: se non avete problemi di titolarità, se amate il rischio e se siete dotati di una pazienza fuori dal comune, allora Muriel può fare per voi. Avrete già capito che all’ultimo posto troviamo Okaka. E’ quello che regala meno bonus e anche lui potrebbe ogni tanto sedersi in panchina.

Solo tra 19 partite sapremo se CF può fare concorrenza a Paolo Fox!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *