Asta Fantacalcio: i portieri su cui puntare e le combinazioni migliori

Ultimo aggiornamento:

Il ruolo del portiere, al fantacalcio, è spesso sottovalutato e si tende a risparmiare per avere più crediti da investire negli altri reparti. Non è sbagliata come strategia, ma se poi ci ritroviamo un portiere che una partita sì e una no prende 5 goal, allora avere Ronaldo non ci salverà. Proprio per evitare situazione simili, di seguito qualche consiglio sui portieri più appetibili e sulle migliori combinazioni qualora decideste di puntare su numeri 1 di diverse squadre.
Sulla nostra guida all’asta trovi, tra le altre cose, le probabili formazioni con quindi anche l’elenco dei portieri titolari!

Le medie della stagione 2018/2019

Per prima cosa, cerchiamo di vedere come si sono comportati i portieri nella passata stagione. Questi dati non ci danno la sicurezza che anche quest’anno le cose andranno nello stesso modo, ma possono comunque fornirci qualche utile indicazione. Come sempre, useremo i dati della Gazzetta dello Sport.

Il primo portiere per media voto è stato Cragno. Per lui un fantastico 6.52 con 7 clean sheet. La fantamedia, giocando nel Cagliari, scende a 5.25. Anche due rigori parati in stagione.

Segue a ruota Sirigu che chiude la stagione con un 6,48 di media e un ottimo 5,66 di fantamedia merito anche di una difesa granata spesso sugli scudi. Per lui, però, ben 15 clean sheet e due rigori parati.

Sul terzo gradino del podio troviamo praticamente appaiati i portieri delle milanesi. Donnaruma ha una media voto pari a 6.31 e una fantamedia che scende a 5.45. Handanovic si attesta su una media di 6.28 e una fantamedia di 5.42. Numeri praticamente identici, se non fosse che Handanovic ha chiuso la stagione mantenendo la porta inviolata in 17 occasioni (numeri incredibili), mentre Donnarumma “solamente” in 13 occasioni.

Questi i portieri che hanno fatto meglio. In classifica non c’è Szczesny, non solo per la difficoltà nello scrivere il suo nome, ma anche perché la sua media voto è abbastanza bassa (6.16). Questo è normale se pensiamo che la Juventus subisce pochissimi tiri in porta e quindi il numero 1 bianconero, chiunque esso sia, ha poche occasioni per mettersi in mostra.

Una nota di merito la dedichiamo a Dragowski che, grazie ad alcune incredibili prestazioni, ha chiuso la stagione con una media di 6.50 (inferiore solo a Cragno) e una fantamedia di 5.08. Non lo abbiamo messo tra i primi in classifica perché ha giocato solamente 17 partite: troppo poche per meritarsi il podio.

Ora, però, arriviamo al nocciolo della questione e scopriamo insieme i nomi su cui conviene puntare quest’anno.

I portieri top da prendere e i migliori abbinamenti

Analizzati i numeri della passata stagione, abbiamo già un’idea di base su chi puntare. Partiamo dai big.

1) Il portiere che più ci convince, sia per meriti personali, sia per la solidità della sua difesa, è senza dubbio Handanovic. Per chi usa il modificatore non è probabilmente la prima scelta, ma vi garantirà sempre almeno il 6 in pagella. Utilissimo, per non dire fondamentale, per tutti quelli che hanno il +1 per l’imbattibilità. L’anno scorso non ha parato rigori, ma quest’anno potrebbe andare diversamente. A questo punto, il consiglio è ovviamente quello di prendere lui e i suoi vice. Tuttavia, qualora riusciste a non strapagarlo e voleste avere un portiere di “scorta” nelle partite più complicate per l’Inter, una buona spalla potrebbe essere uno tra Consigli e Skorupski (discreta combinazione guardando la griglia portieri). Meglio Consigli che para anche diversi rigori e che ha chiuso la passata stagione con un’interessante media di 6.25.
In conclusione: Handanovic + i suoi vice o Handanovic (e Padelli) + Consigli!

2) Il secondo portiere su cui punteremmo all’asta è Meret. Nella passata stagione, causa turn-over, ha giocato solo 14 partite e ha chiuso l’anno con una media di 6.17. Numeri mediocri e allora perché ve lo consigliamo? Perché il Napoli sta costruendo un’ottima squadra e l’arrivo di Manolas blinda ulteriormente la difesa. Meret ha talento e questo potrebbe essere il suo anno. Per chi usa l’imbattibilità, ma anche il modificatore (il Napoli deve assestarsi e qualche tiro lo subirà), il portiere napoletano potrebbe essere la scelta giusta. Ancelotti, mannaggia a lui, farà anche quest’anno un po’ di turn-over, soprattutto prima o dopo le partite di Champions. Per questo motivo, è importante prendere anche Ospina, ma i vostri compagni di lega potrebbero alzarvi il prezzo del portiere colombiano. E allora proviamo a trovare un’alternativa low cost. Sempre guardando la nostra griglia portieri, vediamo che il miglior incrocio possibile è quello con Gollini. Certo, sarebbe un’accoppiata super, ma decisamente troppo costosa. Stesso discorso vale per il portiere del Torino. Una scelta discreta ed economicamente abbordabile è sicuramente quella di affiancare al portiere del Napoli quello del Bologna, Skorupski. Soprattutto in casa, il portiere di Mihajlovic può essere utile.
In conclusione: Meret + i suoi vice o Meret (e Ospina se lo prendete a 1) + Skorupski (e Da Costa se Ospina costasse troppo).

3) Al terzo posto mettiamo Donnarumma. Il Milan dietro ha cambiato poco e questo può essere un bene. Gigio, inoltre, è quasi sempre una garanzia. Può regalarvi ottimi voti, qualche clean sheet e almeno un paio di rigori parati. Il consiglio, però, è di pagarlo un po’ meno rispetto ad Handanovic e Meret. A differenza dei casi precedenti, il consiglio è quello di affiancare a Donnarumma un portiere low cost di un’altra squadra. E allora, se l’abbinamento con Sirigu diventerebbe troppo dispendioso, un’ottima strategia è quella di affiancargli Dragowski. La spesa dovrebbe essere abbastanza contenuta per il portiere della Fiorentina e in porta sareste a posto. Qualora questa coppia vi costasse troppo, allora affidatevi a tutti i portieri del Milan e pregate che i rossoneri non incappino in giornate no!
In conclusione: Donnarumma (e Reina se riuscite a prenderlo a 1) + Dragowski (e Terracciano se vi alzano Reina) o Donnarumma + i suoi vice.

4) Al quarto posto, quasi a pari merito con Donnarumma, mettiamo Sirigu. Il portiere del Torino è una garanzia assoluta, ma non è detto che la difesa di Mazzarri mantenga i livelli dello scorso anno. Ecco allora che, come per Gigio, il consiglio è di affidarvi anche al portiere di un’altra squadra. Ottimi gli abbinamenti con Milan e Napoli (però vi costerebbero troppo), Cagliari, Lazio e un po’ dietro Sassuolo e Brescia. Esclusi i primi due, sarebbe perfetto prendere Cragno in coppia con Sirigu ma, a parte l’infortunio del portiere del Cagliari, anche questa accoppiata potrebbe costarvi troppo (purtroppo). Allora, a malincuore, meglio provare a prendere Consigli e avere così due pararigori che potrebbero farvi molto comodo.
In conclusione: Sirigu (e Rosati) + Cragno (se non vi costa troppo) o Sirigu (e Rosati) + Consigli.

5) Sembrerà incredibile, ma Szczesny è solo al 5° posto. I motivi li abbiamo spiegati sopra. Utile se usate l’imbattibilità, meno se usate il modificatore. Potrebbe essere uno dei portieri più pagati all’asta e in termini di rapporto qualità/prezzo preferiamo i primi 4, anche se ci rendiamo conto che questo creerà qualche mal di pancia. Sia chiaro, puntare sul polacco non è certo una cattiva idea! Se, però, decidete di prendere il numero 1 della Juventus, allora prendete anche Buffon, anche se difficilmente ve lo lasceranno a 1. I bastardi e i nostalgici si nascondono in ogni lega. Ecco perché potrebbe essere saggio affiancargli uno tra Dragowski e Berisha. Soprattutto quest’ultimo, che vuole rilanciarsi, potrebbe essere la perfetta spalla del portiere dei campioni d’Italia.
In conclusione: Szczesny + i suoi vice (ci scuserà Buffon) o Szczesny (e Buffon se viene via a 1) + Berisha (e Thiam, se Buffon costa troppo).

6) I portieri delle romane e dell’Atalanta ci convincono un po’ meno, ma potrebbero essere una strategia saggia se abbinati con altri portieri affidabili. E allora vediamo chi potreste prendere.
Con Strakosha non sarebbe male prendere Consigli o Berisha. La spesa per entrambi dovrebbe essere contenuta e avreste un’alternanza quasi perfetta.

Con Pau Lopez consigliamo in primis Cragno. L’alternanza non è delle migliori, ma avreste comunque un’accoppiata davvero ottima. Il portiere della Roma è poco conosciuto e potrebbe andare via con due noccioline. Altro abbinamento che ci piace è quello con Audero. In questo caso l’alternanza è quasi perfetta e il portiere della Sampdoria ha fatto vedere ottime cose lo scorso anno. Non male anche l’abbinamento con Musso.

Concludiamo con Gollini. Cragno farebbe al caso vostro, ma questa coppia potrebbe costarvi abbastanza. Interessante quindi l’abbinamento con Sepe, che ha chiuso la passata stagione con una media voto di 6.18, o quello con l’enorme Joronen. Rischiosissimo puntare sul portiere di una neopromossa, ma in alcune partite il portiere del Brescia potrebbe stupirvi. E’ anche un grande pararigori (7 parati su 17).

Gli abbinamenti low cost

Concludiamo la nostra analisi con qualche abbinamento low cost per tutti quei fantallenatori che non vogliono spendere troppo per i portieri, ma non per questo vogliono subire 6 goal ogni domenica.

Cragno/Berisha. Accoppiata molto interessante e con un’alternanza quasi perfetta (griglia portieri). L’infortunio di Cragno potrebbe farvi risparmiare anche qualcosina in più.

Dragoswki/Consigli. In questo caso la spesa deve essere minima, soprattutto in leghe poco numerose. L’ottima alternanza e il valore specifico dei due portieri potrebbe regalarvi sorprese. Attenzione, però, perché un paio di imbarcate non sono da escludere.

Audero/Radu. Alternanza perfetta tra portieri abbastanza affidabili. Spesa contenuta, anche se l’accoppiata è abbastanza richiesta. Eventualmente potreste ripiegare su Radu/Consigli o Radu/Musso.

Per i più temerari, consigliamo Musso/Dragowski e una toccata e fuga a Lourdes.

Strategia alternativa

Esiste anche un’altra strategia molto interessante per comporre la nostra accoppiata di portieri. Ci riferiamo a quella di analizzare gli incroci tra i portieri, di solito, più pagati nelle nostre aste e i portieri di squadre medio-piccole che coprono bene i big match fuori casa del nostro portiere big. Ve ne abbiamo già parlato in passato, ma per comodità, e per i più distratti, ecco quello che intendiamo.

In verde avremo i match abbordabili in cui è possibile portare a casa anche un clean sheet; in giallo le partite a rischio in cui dobbiamo mettere in conto 1 o 2 goal subiti; in rosso le partite contro le big del campionato.

Juventus: abbiamo individuato 2 portieri che potrebbero coprire bene Szczesny o Buffon; stiamo parlando di Berisha e Radu. Soprattutto il portiere della Spal ha un calendario abbastanza agevole senza incontri con le big (quando il portiere sarà impegnato in big match), mentre Radu incontra due big in casa.


Napoli: come potete vedere dalla tabella, Musso, Skorupski e Sepe hanno più o meno lo stesso coefficiente di difficoltà durante i big match del Napoli, mentre più indietro troviamo Berisha.

Inter: segnaliamo un ottimo incrocio con Berisha e un discreto incrocio con Musso e Radu, che incontrano una big a testa.

Milan: per non correre rischi, ci si potrebbe affidare a Musso (che copre bene 5 match su 7) e in seconda battuta a Radu o Cragno che hanno però impegni leggermente più proibitivi rispetto al collega dell’Udinese. Con tutti e tre si possono creare delle ottime coppie per il modificatore.

Lazio: in pole position per affiancare Strakosha troviamo Sepe; Musso ha un calendario abbastanza agevole, ma con una big, mentre Berisha non ha big in calendario, ma un coefficiente di difficoltà più alto. Da considerare come coppie perché potrebbero andare a poco rispetto ad altri portieri.

Roma: non ci sono incroci particolarmente esaltanti. Leggermente appetibile sarebbe Berisha ma, anche lui, come Sepe, Musso e Skorupski, paga il fatto di incontrare squadre big una o più volte.

Scopri tutte le altre strategie per l’asta di Fantacalcio direttamente in questa sezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *