Asta Fantacalcio: gli 11 calciatori da evitare

Ultimo aggiornamento:

L’euforia che sale in sede d’asta è difficile da spiegare a parole. Tra un nome e l’altro, ecco che arriva il nostro pupillo: riusciremo a prenderlo all’asta? Noi ci auguriamo di sì ma mai come quest’anno, bisogna fare attenzione. Nel giorno più atteso dell’anno, la testa deve cercare di prevalere sul cuore quasi sempre ed è per questo che, per motivi differenti, non consigliamo l’acquisto di questi 11 calciatori.

Pierluigi Gollini

Sì, avete letto bene. L’estremo difensore della Dea non rientra tra i consigliatissimi e i motivi sono tanti. Il primo è l’elevato prezzo a cui andrà via. Dopo i vari Handanovic, Szczesny, Donnarumma e Meret, il portiere classe 1995 è uno di quelli che verrà acquistato ad un prezzo più alto. Il secondo motivo è l’eccessivo turnover di Gasperini, anche tra i pali. Come ci ha abituati nelle passate stagioni, il tecnico fa ampio turnover anche tra i pali e quindi Gollini non giocherà tutte le partite. Infine, il secondo portiere è un certo Sportiello. Di rientro da Frosinone, il portiere italiano ha ben figurato ovunque è andato. Con il turnover del Gasp, che sia lui il titolare nelle partite pre e post Europa?

Elsed Hysaj

Il terzino destro del Napoli è ormai dietro nelle gerarchie. In Campania prima di lui ci sono il neo arrivato Di Lorenzo e Malcuit. Lo spazio che troverà sarà pressoché nullo e, anche se per un fortuito caso dovesse diventare titolare, sarebbe inutile in ottica Fantacalcio visti i pochi bonus.

Andrea Masiello

Dopo alcune stagioni di alto livello, siamo convinti che il difensore dell’Atalanta avrà un calo. I 33 anni si faranno sentire e in più ci sarà da disputare una competizione come la Champions League. In sede d’asta guardate a largo e lasciate Masiello ai temerari a cui piacciono le favole.

Mateo Musacchio

Il centrale di esperienza del Milan, quest’anno ha una folta concorrenza e rischi di perdere il posto. Al momento, Giampaolo ha dichiarato che il titolare è lui. Alla lunga però, il rientrate Caldara e il neo acquisto Duarte vorranno dire la loro. Noi siamo fiduciosi in un rientro col botto per l’ex Atalanta e per questo non riponiamo fiducia nell’argentino.

Valentino Lazaro

Sul nuovo acquisto dell’Inter c’è molto entusiasmo, sopratutto perché a volerlo è stato Conte. Esterno di spinta nel centrocampo a 5, Lazaro avrà il compito di mettere palloni interessanti per Lukaku e Lautaro Martinez. Ciò che ci spinge a sconsigliarlo è come viene listato dai giornali: centrocampista. Per un calciatore poco propenso al goal ma più agli assist, l’appeal diminuisce molto. Consigliato solo in leghe molto numerose visto che la concorrenza di Candreva e D’Ambrosio potrebbe relegarlo più volte in panchina.

Sami Khedira

L’arrivo di Rabiot, Ramsey e forse Rakitic, chiude di fatto lo spazio per Khedira. Siamo convinti che il tedesco riuscirà a trovare il suo spazio ma, un anno in più significa maggiore predisposizione agli infortuni. Uno come lui che in carriera ne ha avuti davvero tanti è sempre esposto a rischi ed essendo un centrocampista bianconero non andrà mai via a poco.

Gastón Ramirez

Nel possibile 4-3-3 del nuovo tecnico Di Francesco, un calciatore con le sue caratteristiche avrà difficoltà a trovare spazio. È stato provato esterno nei tre d’attacco o come mezzala nei tre di centrocampo. In entrambi i casi non ha convinto e vedere un trequartista giocare bene in un 4-3-3 sarà molto difficile.

Filip Djuricic

Il calciatore è stato scoperto e lanciato da Mister De Zerbi. Il tecnico lo ha adottato più volte come prima punta, ad oggi però, con l’arrivo di Caputo, è difficile che troverà spazio. L’unica soluzione è re-inventarlo in un altro ruolo del campo così da fargli trovare continuità.

Kevin Lasagna

Mettere il capitano dei bianconeri in questa classifica è dura. Il modulo che l’Udinese andrà ad utilizzare la prossima stagione non è ancora chiaro. L’arrivo di Nestorovski però, diminuisce lo spazio ritagliatosi da Lasagna. Il macedone dovrebbe essere il titolare con De Paul e Pussetto pronti ad agire alle sue spalle. Questo ovviamente è un pronostico visto che L’ex Palermo ha un buon feeling con il gol e sembra l’indiziato numero uno per il ruolo di prima punta.

Andreas Cornelius

Dopo la disastrosa parentesi in Italia con la maglia dell’Atalanta, l’attaccante francese va in Francia. Anche il Ligue 1 non trova fortuna con solo tre gol siglati in 20 partite. Bottino povero per un attaccante che sceglie di ripartire da Parma. Lo scarso feeling col gol e la scarsa titolarità lo etichettano come uno di quegli attaccanti da non prendere neanche per sbaglio.

Joaquin Correa

Inserirlo in questa classifica è una provocazione/riflessione. Il calciatore lo scorso anno ha impressionato tutti ed ha realizzato cinque gol il 34 presenze. Quest’anno i pronostici sono dalla sua parte e deve puntare prima a ripetersi e poi a fare meglio. La sua pecca è il fatto di essere listato attaccante. Perché, parlandoci chiaramente, chi spera di acquistare un attaccante che faccia 5-6 gol? Probabilmente nessuno ed è per questo che il calciatore va preso con le pinze e non come in semi-top.

Guarda le certezze su cui puntare all’asta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *