Espulsione Ribery: quante giornate di squalifica rischia?

Ultimo aggiornamento:

Ieri sera, al termine di Fiorentina – Lazio, un nervosissimo Ribery ha perso le staffe e ha più volte (2 per l’esattezza) strattonato per un braccio il guardalinee. I motivi del nervosismo del francese erano dovuti alla sostituzione anticipata da parte di Montella e al goal di Immobile al 90′ viziato, forse, da un precedente fallo di Lukaku su Sottil. Ribery non ci ha visto più e al fischio finale, mentre le squadre rientravano negli spogliatoi, si è avvicinato al guardalinee con “fare minaccioso” strattonandolo più volte per il braccio. L’espulsione è poi arrivata in un momento successivo. Probabilmente nel tunnel.

Ma cosa prevede in questi casi il Codice di Giustizia Sportiva? All’art. 36 è previsto che: “Ai calciatori e ai tecnici responsabili delle infrazioni di seguito indicate, commesse in occasione o durante la gara, è inflitta, salva l’applicazione di circostanze attenuanti o aggravanti, come sanzione minima la squalifica:
a) per due giornate o a tempo determinato in caso di condotta ingiuriosa o irriguardosa nei confronti degli ufficiali di gara;
b) per quattro giornate o a tempo determinato in caso di condotta gravemente irriguardosa nei confronti degli ufficiali di gara che si concretizza in un contatto fisico
“.

Ecco, quindi, che il francese rischia seriamente di saltare almeno le prossime 4 gare contro Sassuolo, Parma, Cagliari e Verona (4 giornate sono infatti la sanzione minima, salvo attenuanti). Un disastro per i suoi possessori che in questo inizio di Campionato avevano beneficiato di un fantastico Ribery.

Restiamo comunque in attesa del comunicato ufficiale. Magari gli saranno riconosciute delle attenuanti, anche se al momento è difficile ipotizzare quali potrebbero essere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *