Fantacalcio: come cambia il Napoli con Gattuso?

Ultimo aggiornamento:

Il calcio, a volte, è un gioco spietato e che non guarda in faccia nessuno. Ne è un esempio l’esonero di Ancelotti avvenuto ieri sera dopo la vittoria interna per 4 a 0 sul Genk. Per l’ex allenatore del Milan sono stati fatali i dissidi con i giocatori più carismatici dello spogliatoio partenopeo e le incomprensioni con De Laurentiis. A dire il vero, l’allontanamento del tecnico era già nell’aria da qualche settimana. A prendere il suo posto, un suo vecchio amico e “seguace”: Gennaro Gattuso. Ma scopriamo subito come cambierà il sistema di gioco del Napoli, quali giocatori ne trarranno vantaggio e quali, invece, perderanno gradi.

Come giocherà

Il modulo prediletto di Gattuso, come già abbiamo avuto modo di vedere, è il 4-3-3 basato su grande attenzione difensiva e ripartenze veloci. Non è da escludere, però, l’utilizzo del 4-4-2 basico almeno all’inizio della sua esperienza sulla panchina degli azzurri. In porta confermatissimo Meret, che giocherebbe titolare con qualsiasi allenatore. I centrali saranno ancora Manolas e Koulibaly con Di Lorenzo a destra. A sinistra Mario Rui in attesa di Ghuolam. Diga di centrocampo l’imprescindibile Allan, uomo molto simile a Gattuso per temperamento e aggressività. Ai suoi lati spazio alla qualità di Fabian e Zielinski, con quest’ultimo che avrà quasi sicuramente compiti più offensivi. In attacco spazio ai grandi dubbi: tre posti per Insigne, Milik, Mertens, Lozano, Callejon e Llorente. Lo scugnizzo napoletano è molto apprezzato da Ringhio e dovrebbe agire sulla sinistra. Milik, tornato in forma, prenota il posto di punta centrale (infortuni permettendo), mentre a destra la duttilità di Callejon potrebbe spuntarla. Mertens e Lozano pronti, però, a far cambiare idea al mister calabrese. Llorente sembra più indietro nelle gerarchie.

Chi ci guadagna in ottica fantacalcio

Allan sicuramente potrebbe trovare ispirazioni da un mister molto simile a lui. I bonus non sono propriamente nelle sue corde, ma l’alto rendimento sì. Anche Insigne dovrebbe riavere la fiducia tecnica di cui ha bisogno e tornare a brillare. Fiducia totale anche ai due centrali, Manolas e Koulibaly, che grazie alla cura “difensiva” di Gattuso potrebbero svoltare la loro stagione. Stesso discorso, ovviamente, anche per Meret. Infine, non possiamo non citare Milik. Il polacco, se sta bene, è una macchina da gol.

Chi ci perde in ottica fantacalcio

I terzini, secondo i diktat di Gattuso, dovrebbero restare bloccati in difesa a garantire copertura. Ecco perché Di Lorenzo e Mario rui potrebbero ridurre il loro apporto in fase offensiva e in zona bonus. Fabian Ruiz, nel ruolo che fu di Paquetà sotto la guida di Ringhio, rischia di dover rincorrere troppi avversari e perdere lucidità in fase offensiva. Stesso discorso per Callejon sulla fascia destra.

Cosa fare al fantacalcio

I difensori dovrebbero impreziosire i loro rendimenti e quindi vanno tenuti a tutti i costi, stesso discorso per Meret. Fabian Ruiz, come già detto, potrebbe perdere appeal ma resta in ogni caso un giocatore da confermare per le sue indiscusse qualità tecniche. Capitolo attaccanti: Insigne da tenere, stessa cosa per Milik. Ai due aggiungiamo anche Mertens, uno dal gol facile anche con Gattuso. Più dubbi su Callejon e Lozano: se dovessero arrivarvi offerte interessanti potreste anche pensare di cederli.

Quali giocatori esploderanno sotto la cura di Gattuso? Scrivicelo nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *